Domanda: è necessario avere un allenatore?

L’allenatore è una figura non ancora del tutto conosciuta, si ragiona molto spesso per sentito dire e diventa, quindi, difficile fare una scelta corretta per noi stessi.
Vediamo insieme come mai potrebbe essere importante farsi seguire da qualcuno.

Il triathlon, viste anche le numerose tabelle che si trovano su internet, soffre della stessa reputazione inesatta della corsa, ovvero uno sport che “tanto lo faccio a livello amatoriale”, quindi non necessito di un programma strutturato.

E invece è proprio quando si comincia da zero (o quasi) che si ha più bisogno di una guida che ci accompagni nel percorso.

Ma cosa fa un allenatore?

Innanzitutto è un vostro alleato, per cui dal momento in cui deciderete di collaborare, potrete essere certi che sarà al vostro fianco, qualsiasi cosa accada.
Impara a conoscervi, esegue dei test per capire il vostro stato di salute fisico (a volte anche mentale!) e il vostro stato di fitness.
Poi, ascoltando quelli che sono i vostri desideri, e aiutandovi a trovare obiettivi possibili e motivanti, prepara un piano di lavoro personalizzato.
Non come per un altro atleta, non come per se stesso, non copiando da schede di altri.
Sarà un piano forgiato solo per voi.

E se avrò dei dubbi mi ascolterà?

Certo. L’allenatore ha a cuore i vostri risultati, oltre al vostro benessere e alla vostra soddisfazione.
Non siete i suoi clienti, siete i suoi atleti, i vostri sogni saranno un po’ anche i suoi.

Mi aiuterà a capire meglio me stesso? Ho paura di non sapere dove vorrò andare.

Senza dubbio. Il ruolo dell’allenatore è anche questo.
Scambiare con lui/lei impressioni, sensazioni e commenti è importantissimo perché possa sapere sempre il modo migliore per accompagnarvi a fare il passo successivo.

E se mi voglio fermare? Lo deluderò?

Niente paura, non ci sono giudizi o voti.
Ci sono solo progetti che prendono strade alternative, come quando trovi traffico e devi cambiare strategia per tornare a casa.

Ma i miei amici si allenano da soli, come fanno?

Alcune persone hanno esperienza perché ex professionisti, altri hanno una genetica che li porta ad avere un basso rischio di infortuni, altri hanno una grande propriocezione e conoscenza del proprio corpo.
Quello che accomuna tutte queste persone è una conoscenza già alla base dello sport del triathlon.
In mancanza di questa, l’unica risposta utile a salvaguardarci è l’allenatore.

E perché non posso seguire una scheda scaricata su internet? Conosco gente che lo fa e va fortissimo.

Certo che puoi.
Però immagina come potrebbe essere se tutte le tue sessioni di allenamento fossero fatte solo per te, sapendo che qualcuno ha tenuto conto di quanto dormi, che lavoro fai, cosa mangi, come ti senti prima di una gara.

E allora quelli che vanno forte allenandosi da soli?

Pensa quanto potrebbero andare più forte con un allenatore!

Clicca qui per inviare le tue domande, ogni settimana pubblicherò una risposta!

4 thoughts on “Domanda: è necessario avere un allenatore?”

Leave a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *